Christian Dior Haute Couture sfilata autunno inverno 2011/2012

Christian Dior Haute Couture autunno inverno

A Parigi Christian Dior, presenta la sua sfilata di Haute Couture autunno inverno 2011-2012, la prima senza John Galliano, l’eccentrico stilista britannico da circa 15 anni direttore artistico di Dior, sospeso per le sue esternazioni razziste in un caffè di Parigi.
I suoi eredi nella più importante maison di moda francese Bill Gaytten e Susanna Venegas, da anni stretti collaboratori di Galliano, ma sempre all’ombra del grande stilista, da cui hanno preso stile e ispirazione.

La sfilata presentata a Parigi si ispira ai grandi architetti e ai designer, incarna lo spirito della “Rosa Moderna”, dove l’abito viene pensato e tagliato in un motivo a fiorire, con tessuti ricercati ed eleganti.

La collezione racchiude un’anima multiforme e colorata, dove la moda diventa spettacolo e teatro, una linea che rende tributo al design, alla corrente cubista, allo stile pop anni ’80, ad uno stile bohémienne anni ’70, con un tocco di fantasy dedicato al mondo delle fiabe.

I colori sono accesi e decisi, nella parte iniziale prevalgono i delicati colori cipria per poi lasciare spazio a vivaci colori come il blu, il verde e l’arancione per poi finire con il bianco e il giallo. I motivi floreali sono creati con i tessuti, come taffetà, organza e gazar, tagliati abilmente per creare effetti geometrici e volumetrici unici e spettacolari.

Bellissimi i vaporosi abiti, in chiffon e seta, ampi e fluttuanti, in colori dal marrone, al verde, all’arancione.

E che dire dei tre abiti che simboleggiano le stelle e la luna, preludio spettacolare della conclusione della sfilata.

Alla fine sulla passerella appare un Pierrot che accoglie i due stilisti Bill Gaytten e Susanna Venegas, il futuro della maison Dior.
Christian Dior Haute Couture

Dior Haute Couture autunno inverno 11-12
Christian Dior Haute Couture a-i 11-12
Christian Dior Haute Couture 2011-12
Dior Haute Couture a-i 2011-12
Immagini tratte da Style.com

 

Commenta subito con Facebook!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here