Grammy Awards 2017, trionfa Adele ma la vincitrice è comunque Beyoncè

 
Si è tenuta ieri sera a Los Angeles allo Staples Center, la 59esima edizione dei Grammy Awards, una serata che ha visto due colossi della musica scontrarsi all’ultimo grammofono d’oro.
Adele e Beyoncè  sono state senza dubbio le regine indiscusse della serata; Queen Bee arrivata alla premiere con ben 9 nomination, si credeva avrebbe fatto incetta di premi ma purtroppo così non è stato.
Adele ha aperto la cerimonia interpretando Fast Love, un brano del recentemente scomparso George Michael, dopo aver commesso qualche errore sulle prime note ha voluto ricominciare per regalare poi, una performance da standing ovation.
Nominata in 5 categorie riesce a vincere tutte le 5 statuette, ma al momento del ritiro ha voluto dedicare a Beyoncè qualche parola: “Il tuo album Lemonade è monumentale, sono molto grata, ma questo premio dovrebbe essere suo, il miglior album è il suo, un lavoro prezioso dove ha messo a nudo la sua anima, ti vogliamo bene, sei la nostra luce”.
Si può proprio dire che Beyoncè sia senza dubbio la vincitrice morale di questi Grammy, e con i due nuovi vinti ieri arriva a quota 22, raggiungendo tra gli altri Stevie Wonder.
La sua performance è stata memorabile, avvolta in un regale abito d’oro ha regalato un esecuzione perfetta e svelato la sua gravidanza.
 


Anche Lady Gaga ha saputo farsi notare, come sempre per i suoi outfit al limite dell’improbabile; questa volta ha optato per una “lieve” scollatura che non ha lasciato spazio all’immaginazione.
Miss Germanotta si è esibita in una performance extra rock con i Metallica che pare aver avuto qualche problema tecnico di troppo.
Ma non vogliamo svelarvi tutto e vi elenchiamo di seguito i riconoscimenti più importanti della serata e qualche video tratto dalle esibizioni più spettacolari.
Album of the Year
25, Adele
Record of the Year
“Hello,” Adele
Song of the Year
“Hello,” Adele and Greg Kurstin
Best New Artist
Chance the Rapper
Best Pop Vocal Album
25, Adele
Best Traditional Pop Vocal Album
Summertime: Willie Nelson Sings Gershwin, Willie Nelson
Best Pop Solo Performance
“Hello,” Adele
Best Pop Duo/Group Performance
“Stressed Out,” Twenty One Pilots
Best Rock Album                                                                                                          Tell Me I’m Pretty, Cage the Elephant
Best Rock Song
“Blackstar,” David Bowie
Best Rock Performance
“Blackstar,” David Bowie
Best Alternative Music Album
Blackstar, David Bowie
Best Metal Performance
“Dystopia,” Megadeth
Best Urban Contemporary Album
Lemonade, Beyoncé
Best Rap Album
Coloring Book, Chance the Rapper
Best Rap Song
“Hotline Bling,” Aubrey Graham & Paul Jefferies, songwriters (Drake)
Best Rap Performance
“No Problem,” Chance the Rapper [ft. Lil Wayne & 2 Chainz]
Best Rap/Sung Performance
“Hotline Bling,” Drake
Best R&B Album
Lalah Hathaway Live, Lalah Hathaway
Best R&B Song
“Lake By the Ocean,” Hod David & Musze, songwriters (Maxwell)
Best R&B Performance
“Cranes in the Sky,” Solange
Best Reggae Album
Ziggy Marley, Ziggy Marley
Best Music Video
“Formation,” Beyoncé
Best Music Film
The Beatles: Eight Days a Week the Touring Years, The Beatles
Best Score Soundtrack for Visual Media
Star Wars: The Force Awakens, John Williams, composer